Centro Espositivo Rocca Paolina

Perugia 1 - 16 ottobre 2016

  • Centro Espositivo Rocca Paolina

Centro espositivo

La Rocca Paolina

La monumentale fortezza, realizzata su progetto dell’architetto Antonio da Sangallo il Giovane, fu costruita per volere di Papa III tra il 1540 e il 1543

L’architetto studiò con molta accortezza dove e come collocare la nuova costruzione e, dopo molti sopralluoghi, scelse di costruirla sul Colle Landone; la posizione era strategica, dominava il centro della città dove sorgevano le case appartenenti ai Baglioni, la famiglia che aveva armato la rivolta contro il Papa.

Per la sua costruzione furono distrutte le case dei Baglioni, utilizzati i materiali dell'antico borgo di Santa Giuliana, demolito per intero, con relative chiese e conventi, vie, torri e cortili; tutto ciò che ricadeva nel perimetro del nuovo edificio fu inglobato e coperto con possenti volte, costituendone il piano interrato e sotterrando definitivamente le mura etrusche, La Rocca elevata su più livelli era composta da un corpo principale, il palazzo Papale, situato sul Colle Landone, da un avamposto detto la Tenaglia, collegati tra loro da un Corridore.

In parte distrutta nel 1848, ricostruita nel 1860 per volere di papa Pio IX, la Rocca fu abbattuta definitivamente nei decenni successivi all'annessione al Regno d'Italia, offrendo lo spazio per la costruzione di molti edifici e sistemazioni ottocentesche (piazza Italia, via Masi, giardini Carducci, viale Indipendenza).

Dell’antica, imponente fortezza rimasero solo i sotterranei del Palazzo Papale, questi furono interessati da lavori di rimozione delle macerie conclusi nella seconda metà degli anni novanta, aprendosi al pubblico quale "città sotterranea" di grande fascino e suggestione.

Dal 1983 infine, la Rocca è attraversata dal percorso pedonale meccanizzato (scale mobili) che collega, in uno scenario affascinante, la base dell'Acropoli etrusco-romana (Piazza Partigiani) con il cuore della città.

Dalla Porta Marzia, la seconda porta monumentale etrusca, che il Sangallo incorporò nella rocca, si entra in una via suggestiva in cui si affacciano porte, finestre, torri medievali e rinascimentali. Proseguendo si accede alla Sala Cannoniera, due grandi stanze con feritoie utilizzate a scopo difensivo dalle guardie papali. Tra pozzi, cisterne, cunicoli, archi e vie sapientemente illuminate si accede al Centro espositivo di proprietà della Provincia di Perugia, con i suoi grandi e singolari spazi utilizzati, durante l'anno, per diverse e importanti manifestazioni culturali. 

c_esp_4
c_esp_4
c_esp_11
c_esp_11
c_esp_10
c_esp_10
c_esp_6
c_esp_6
c_esp_12
c_esp_12
c_esp_2
c_esp_2
c_esp_3
c_esp_3
c_esp_5
c_esp_5
c_esp_7
c_esp_7
c_esp_8
c_esp_8
c_esp_9
c_esp_9
c_esp_1
c_esp_1

Questo sito utilizza i Cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso.